Graphic designer

I concorsi di grafica: vera risorsa o asta al ribasso?

Con questo articolo proverò a spiegarti quali sono i migliori concorsi di grafica online e perché dovresti partecipare ad un contest. 

Il graphic designer junior e i concorsi grafici

Nel caso tu sia un graphic designer junior, potresti aver necessità di arricchire il tuo portfolio: un concorso grafica può essere davvero utile soprattutto per chi si trova ad inizio carriera e ha necessità di proporre un portfolio creativo alle agenzie. Partecipando ad uno o più concorsi, inoltre, avrai modo di lavorare su briefing professionali di grandi aziende ed enti. In più, vincendo il concorso, potresti vincere considerevoli somme in denaro, nonché farti notare e trovare lavoro nel campo!

Il graphic designer senior e il contest grafico

A volte il graphic designer, anche se esperto si trova di fronte a momenti di impasse.

Per ogni graphic designer freelance i motivi del blocco creativo potrebbero essere differenti: spesso le richieste dei Clienti sono troppo pressanti oppure invadenti al punto da stravolgere l’intero visual del progetto, a volte non si trova l’ispirazione giusta perché ci si sente troppo sotto pressione (la classica sindrome da foglio bianco insomma)… oppure semplicemente la stanchezza inizia a prendere il sopravvento e vorremmo solo spegnere il computer e cambiare lavoro. 

Altra fonte di frustrazione per il grafico pubblicitario è “il cuggino”: colui che dopo un corso di 20 ore si sentirà in diritto di definirsi graphic designer e che, indipendentemente dalla reale parentela con il Cliente, realizzerà un bozzetto (orribile) in meno tempo di noi copiandolo dal web e consegnando il file a bassa risoluzione. Quasi gratis, naturalmente!

La grafica pubblicitaria è una disciplina complessa, in continua evoluzione e spesso il lavoro del grafico pubblicitario è frustrante.

Potrà sembrare una perdita di tempo, ma in questi casi l’idea giusta per ritrovare il sorriso e buttarsi alle spalle le delusioni è partecipare a qualche contest grafico. I vantaggi saranno moltissimi:

  1. il rinnovo del portfolio
  2. la possibilità di sperimentare liberamente
  3. la necessità di ritrovare l’apertura mentale necessaria a lavorare su diversi fronti
  4. la voglia di scaricare le tensioni e le emotività
  5. l’occasione di ripassare le tecniche apprese e scoprirne di nuove
  6. l’opportunità di cimentarsi con un brief professionale, anche a livello internazionale
  7. ma soprattutto la possibilità di guadagnare!

Per il professionista senior, lavorare su un nuovo contest grafico è un modo per eseguire un lavoro in completa autonomia, evitando di incorrere nelle solite richieste avvilenti del Cliente, che, come tutti sappiamo, vorrebbe SEMPRE il logo più grande di come lo vorremmo noi…

Ma attenzione! Negli ultimi anni stanno prendendo piede anche molti siti internet che propongono una sorta di asta al ribasso per professionisti attivi in diversi settori, mascherando le esigenze del Cliente sotto forma di contest grafici a basso costo. Questa formula è estremamente vantaggiosa per il Cliente, appunto, che a fronte di un investimento minimo riceverà tantissime proposte tra cui scegliere… valutiamo bene il budget proposto dal concorso, quindi!

I migliori concorsi per grafici e agenzie creative

Ecco una lista di alcuni portali che, gratuitamente, presentano una gran varietà di concorsi di grafica (video contest, brand design, interior design, graphic design, naming, sviluppo app ecc.) grazie ai quali è possibile anche guadagnare online migliaia di euro, oltre che sfruttare creativamente il proprio tempo libero:

Draft.itUno dei primi portali a raccogliere contest grafici e bandi di gara di grandi marchi nazionali o internazionali per professionisti o agenzie, come Italia che comunica oppure Posterheroes. E’ possibile realizzare guadagni a partire da 2.500€!
Lavori CreativiLa più grande community di creativi d’Italia non poteva non riservare una delle sezioni del suo portale ai concorsi di grafica nazionali e internazionali (ma anche video, teatrali, di street art ecc.). Anche in questo caso, è possibile guadagnare online! Registrati, è una vetrina ottima per i creativi.
Professione architettoProfessione Architetto è fornito di sezione dedicata ai concorsi di grafica nazionali ed internazionali. Per accedere ai bandi integrali non è necessario registrarsi, il possibile guadagno anche in questo caso parte da 3.000€.
Cerca bandoQuesto portale permette a creativi in diversi ambiti ma anche a grafici freelance di partecipare a concorsi grafica di vario genere, anche a livello internazionale. I budget partono da 1.000€.

Hai mai partecipato o vinto qualche contest di grafica? Pensi siano una buona fonte di guadagno online? Scrivimi la tua esperienza e il tuo punto di vista, lascia un commento e non dimenticare di condividere questo articolo!

Concorsi di grafica

8 pensieri su “Concorsi di grafica

  • 8 Febbraio 2019 alle 19:56
    Permalink

    ho partecipato ai contest (alcuni anche vinti) ma il gioco non val la candela. Per il designer si trova come in gara con il mondo che non solo è un problema di numero, in 50 a volte anche + per un logo del macellaio sotto casa, a prezzi spesso ridicoli. Il problema è che veramente ci partecipano tanti, troppi cuggini che hanno fatto un corso magari di un solo programma perpoche ore quando la grafica è complessa e photoshop non è lo strumento unico principe del settore (chi vuol capire capisca). Ci ho messo 30 anni tra studi ed esperienza per poi vedere che il mercato, il mio lavoro che viene massacrato dalla più totale mancanza di professionalità, ignoranza ed inesperienza. Poi dal lato cliente manca il fattore intermediazione e consulenza necessaria come quando ci si rivolge a un’agenzia, brief scarni, vaghi che dicono tutto (le banalità del mondo) e nulla (i punti che sarebbero necessari per valorizzare il lavoro). I clienti spesso arroganti maleducati ignoranti in materia e poco collaborativi (nonostante sia loro interesse) strappargli degli imput è oro colato (se non si indispettiscono) già perchè per loro è solo una gran vetrina da cui scegliere peccato che essendo ignoranti non è raro, anzi spesso, che scelgano il peggio ciò che più va contro le più elementari regole della grafica e del buon gusto. Se sono clienti diretti! perchè spesso si nascondono dietro pseudo procuratori improvvisati o vere agenzie (sciacalli a mio vedere). Per me la tecnologia non sempre porta vantaggi, o per lo meno ste mode di mettere tutto online, sui social alla massa. Si sa quando diviene una cosa di massa la qualità si abbassa. e non lo dico da invidioso ho visto lavori loghi, impaginati illustrazioni fatti veramente in maniera professionale di cui tanto di cappello, manco essere presi in considerazione. Perchè tutti vogliono fare i creativi! allora fatti almeno qualche anno di studio e qualcuno in più di esperienza e poi pratica la professione… sennò cosa faremo in futuro? affideremo il giudizio al giudice nominato su un contest? o a esser operati dal chirurgo più al ribasso? dall’anestesista che 3 secondi prima era commesso e vuol provare a entrar in medicina perchè è sua aspirazione salvar gente? ance se non potrà che peggiorare spero invece che prima o poi spariscano ste iniziative e falliscano… perchè direttamente e indirettamente rovinano il settore e i professionisti che si son fatti le ossa.

    Rispondi
    • 7 Aprile 2019 alle 22:49
      Permalink

      Ciao Carlo e grazie per il feedback. Giustamente, tu riporti la tua esperienza.
      Innanzitutto, complimenti per i trent’anni nel campo.
      Devo dirti che in diversi punti della tua risposta (che a tratti può sembrare anche uno sfogo) ritrovo anche il mio vissuto professionale. Hai ragione, molti lavori vengono giudicati da clienti che, ovviamente, non hanno una reale competenza in merito alla grafica pubblicitaria. In tal senso, permettimi una provocazione: non è forse vera arte anche far percepire al Cliente il reale valore del progetto presentato?
      Hai ragione, il nostro è davvero un mestiere complesso e sottovalutato.
      Su un punto non concordo: utilizzare i social non è un male, anzi. E’ solo un mezzo differente, che prevede regole molto difformi da quelle che il designer editoriale conosce a menadito e applica ogni giorno (e guai a sgarrare!)…

      Insomma Carlo: è un piacere avere lettori come te che commentano con un pathos tale da far percepire una grande passione per il mondo della grafica pubblicitaria. Grazie per avermi dato modo di confrontarci su questo argomento! A presto!

      Rispondi
    • 25 Giugno 2020 alle 10:44
      Permalink

      Buongiorno Carlo,
      comprendo a pieno il suo sfogo verso l’inesperienza e l’improvvisazione dei partecipanti rispetto a quello che è il suo lavoro. Ma bisogna tener conto di quanto sia difficile, al giorno d’oggi, per dei giovani trovare l’opportunità di maturare un’esperienza come la sua.
      Io personalmente, nonostante i miei studi di grafica ed eventuali corsi, non sono riuscita a trovare un posto di lavoro serio e che riguardasse le mie competenze. Penso di parlare a nome di tanti altri grafici Junior che partecipano ai contest, questo è uno dei modi che abbiamo per farci strada e una delle nostre speranze!
      Detto questo, io sarei ben più contenta di veder vincere un utente senza esperienza rispetto ad un altro che è già affermato in questo campo e non ne ha particolare bisogno.
      #graficojunior #igiovanisonoilfuturo

      Rispondi
  • 29 Dicembre 2019 alle 5:36
    Permalink

    Ciao. Faccio grafica dall’età della pietra (verità-verità). Fondamentalmente, disegniamo mappe di città e paesi. https://vectormap.info/product-category/europa_vector_maps/italy_vector_maps/ Ma lavoriamo molto anche con il design del logo. E in generale, posso dire di aver capito abbastanza bene la grafica, la semantica e la semiotica.
    Il significato dei concorsi di design non è molto chiaro: è un peccato turbare te e i tuoi lettori, ma l’umanità non ha creato nuove immagini visive per gli ANNI.
    Ciò significa, in effetti, che qualsiasi logo o disegno sottoposto a una competizione ha già un analogo molto simile creato da qualcuno in precedenza.
    Una domanda piuttosto difficile, l’opera è davvero protetta da copyright in questo caso? Di norma, il lavoro è AUTORE E ORIGINALE – ma purtroppo non è così nella realtà. Il problema non si pone nella fase della competizione, ma nella fase, ad esempio, della registrazione ufficiale di un logo aziendale. Si scopre che l’immagine creata dal designer ne ripete INDIPENDENTEMENTE un’altra, una volta creata in un paese completamente diverso e talvolta in un’epoca diversa.
    Questo è un grosso problema E inoltre: tutto andrà molto peggio. Il numero e la varietà di oggetti visivi, simboli e contorni è relativamente piccolo e anche le loro combinazioni non risolvono il problema.

    Rispondi
    • 16 Aprile 2021 alle 17:52
      Permalink

      Il Diritto d’autore è un argomento interessante, che tratterò sicuramente nei prossimi articoli. Grazie per il tuo contributo!

      Rispondi
  • 29 Giugno 2020 alle 21:07
    Permalink

    i prezzi a ribasso sono il cancro del nostro lavoro purtroppo…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*